Boh

settembre 15, 2008

Dicono che ho vinto. E perchè?

aggiornamento: ho ricevuto ben due email che chiedono il pdf… eccolo.

14 Risposte to “Boh”

  1. coq Says:

    se lo chiedono in tanti…

  2. Paoletto Says:

    Non porti domande.
    Verifica il numero di accessi.
    Forse a qualcuno piace leggerti e credo che ti tocherà scrivere………..

  3. E. Says:

    Beh, hai vinto perchè la gente è curiosa, perchè tante donne vorrebbero prendere 150 euro ogni volta che fanno un pompino, e perchè tanti uomini vorrebbero incontrare una come te…e soprattutto perchè fai qualcosa che incuriosisce anche i più bacchettoni (che ti hanno scritto tante cattiverie).
    Ma voi che criticate, se siete così infastiditi, perchè siete finiti a scuriosare su questo blog??
    Dal momento che ha vinto la categoria come Miglior Blog Erotico, di certo non potrà parlare di qualcosa di diverso!! E non sta a voi ne a nessuno criticare o giudicare quel che questa donna, uomo o trans che sia ha deciso di fare della propria vita. C’è mooolto di peggio al mondo, basta guardare la politica italiana per esempio….

  4. Bluer_Night Says:

    E’ inutile pensarci, se ti piace aver vinto, goditi la vittoria, altrimenti continua la tua vita e il tuo blog, queste premiazioni sono fatte per gli sponsor, non per i vincitori

  5. Lettore casuale Says:

    Potrebbe essere un pretesto per farti ricominciare a scrivere e non stupirti sul perché hai vinto :-)
    dall’elenco dei blog vincitori, vedendo il tuo mi sono incuriosito, entro, cerco di orientarmi e finalemnte trovo il pdf con la raccolta fino al 2 marzo 2007.
    L’ho letto tutto d’un fiato e senza annoiarmi, altro che libro potresti scrivere. A questo punto come altri fedeli lettori resterò in attesa del tuo prossimo post. In bocca a lupo e continua così

  6. unoalgiorno Says:

    Lettore casuale… chissà, vedremo… E’ da un po’ che ho voglia di scrivere di nuovo… Ma prima dovrei dare una sistemata a questo blog, è diventato bruttissimo!
    Baci

  7. isabella Says:

    l’erotismo, come la bellezza, è negli occhi di chi guarda.
    E di chi legge.
    In ogni, caso, bellissimi complimenti!

  8. Lettore (ex casuale) Says:

    Che emozione ci sei ancora e ti ho beccata praticamente on-line. dovrai pur dirci cosa hai fatto in quasi 8 mesi di assenza…su, almeno qualche piccola info…per me che sono arrivato oggi è come aver letto un libro a metà

  9. manfroze Says:

    Io ti ho scoperta proprio grazie a Macchianera, e ho apprezzato molto i tuoi racconti, veri o falsi che siano. Spero che ricominci presto a scrivere.

  10. marcoask Says:

    “Dicono che ho vinto. Perché?”

    sono qui per scoprirlo!

  11. giovaneanonimo Says:

    Sono capitato qui curiosando sui siti vincitori del blogfest. Mi ha incuriosito la tua reazione alla vittoria ed ho iniziato a leggere i vari post a ritroso.
    Se da un lato l’enigmatico disclaimer fa pensare che possa tranquillamente trattarsi di un blog con contenuti e storie inventate di sana pianta, dall’altro lato le tue confidenze sui tuoi stati d’animo ed il lungo protrarsi nel tempo dei racconti tradiscono un fondo di verità.
    Quanta ce ne sia non mi è dato saperlo – e, sinceramente, non mi interessa neanche. Certo è che post come quello in cui scrivi di uno che ti avrebbe chiesto se sei
    unoalgiorno, e il seguente grafico degli ingressi di rete per ricercare la provenienza di tanti visitatori, confermano che tale teoria è verosimile.
    Senza contare, poi, che con il passare del tempo, lo scrivere dietro una maschera, per quanto artefatta, alterata e fantasiosa possa essere, porta ad un desiderio di lasciarsi andare, il volersi confidare gettando via almeno gran parte degli artefici che fino a quel momento hanno caratterizzato i propri scritti.
    E’ un po’ lo stesso fenomeno che si verifica nella scrittura di un diario, dopo un po’ di tempo la tensione psicologica si allenta – ci si lascia andare scrivendo quasi tutto quello che pensiamo -, vive solo la paura che qualcuno possa rubarti la chiave del lucchetto e spiarci dentro, ma tu qui sei in anonimato e vesti i panni di qualcuna che non sei, o che sei solo in parte, quindi delle vere riflessioni personali possono essere buttate dentro senza timore.

    Io mi auguro sul serio che tu sia in realtà una commessa, una creativa pubblicitaria, una graphic designer che per evadere dalla routine giornaliera

    tesse le fila di una sapiente cronostoria in pillole, sottoforma di blog.

    Nel caso in cui ci fosse un pesante fondo di verità, ci sono tanti aspetti che mi fanno tanta tristezza. E’ triste pensare che tanti uomini, anche

    sposati o fidanzati, abbiano ceduto alle tue offerte senza pensarci due volte. Certo, il discorso che sono dei porci va bene, sono loro ad aver accettato, ma tu non ti senti nemmeno un poco responsabile dell’accaduto? Certo, potrai dirmi che l’hai fatto per soldi, che è un lavoro per te, che il fine giusifica i mezzi. No. In casi come questo non si giustifica niente. Per me la colpa è anche tua. Puoi pensare che tanto avrebbero “tradito” lo

    stesso ed almeno tu ora ti ritrovi con i soldi in tasca. Non è così, perchè almeno la responsabilità non sarebbe stata tua. Hai mai pensato – sempre presumendo che nella realtà tu faccia delle azioni che si avvicinano a quanto scrivi – a quante vite potresti aver scombussolato, quante persone, che in quel momento ti potevano sembrare felici perchè appannate dall’estasi dei sensi, potresti aver reso infelici? Il piacere dura un attimo, poi ci sono le varie reazioni: quelli che ne desiderano avidamente dell’altro, alcuni che ti chiedono di restare con loro, altri che escono fuori e cercano ancora altre donne, ma c’è anche qualcuno che ha un suo equilibrio, una sua casa, una moglie o una fidanzata, da quel momento in poi si accorge che il suo rapporto non era appagante come credeva e cercherà altre donne creando attorno a se un vortice di bugie e menzogne che non porterà altro che dolore e sofferenza; infine c’è anche l’altra categoria di persone che avevano un equilibrio sentimentale, persone che per quel momento in cui si sono lasciati andare sentono di aver fatto un errore irreparabile, che niente sarà più come prima, che guarderanno la loro donna e non avrnno il coraggio di alzare lo sguardo fino ai suoi occhi, che sono stati degli stupidi a rovinare tutto.

    La via che percorri non ti porterà alla felicità. Sentirai sempre dentro di te qualcosa che ti manca, ti sentirai incompleta. Ora devo andare. Le cose che ho scritto sono scomode ma è quello che ho pensato.

    Ti auguro tutta la felicità e la serenità di questo mondo.

  12. unoalgiorno Says:

    giovaneanonimo: il tuo è il più bel commento mai ricevuto. Grazie.
    Purtroppo, concordo con te: la via che percorro non mi porta alla felicità. Spero di trovarne una migliore, presto.
    Un bacio

  13. Mario Says:

    Ciao,

    come altri anch’io mi sono chiesto quanto di vero ci sia in quello che scrivi, ma a dire il vero la risposta non mi interessa.

    Qualunque sia la tua vita portala avanti finché sarai serena. Quando sentirai il bisogno di cambiare qualcosa lo capirai. Fregatene di chi ti da della puttana o si scandalizza per quello che scrivi…il mondo è pieno di ipocriti/e, non è a loro che devi rendere… ;)

    Complimenti per il premio…anche se non credi che il tuo sia un blog erotico quello che hai ricevuto è pur sempre un premio. Vuol dire che alla gente piace quello che scrivi !!!

    NB. non stripparti troppo per la grafica del blog. Alla fine quello che conta sono i contenuti.

  14. utente_anonimo Says:

    premetto che baso il mio commento assumendo che tu sia davvero la persona che traspare da queste pagine.
    il nick è quello che è, presumo tu possa leggere il mio indirizzo email e darmi un nome, come io lo do a te.
    ti ho scoperta per caso grazie al blogfest.
    è bello leggerti, capisco anche cose di noi maschi che finora avevo sempre sospettato e me ne hai dato conferma…grazie per questo, anche se purtroppo non ne traggo gioia semplicemente squallore…non mi piace come siamo fatti , non mi piace come ti trattiamo, ma ovviamente non posso farci niente, neanche “scioperare” come ho letto che hai fatto.
    il tuo blog è al contempo angoscioso, condivido il pensiero di giovaneanonimo seppur mettendo l’accento sul fatto che comunque tu possa aver avuto la tua parte di responsabilità, ma ogni persona dovrebbe saper dominare i propri sensi e decidere da se come e quando e se lasciarsi andare.
    sembri una persona così splendida dentro, un qualcosa che cerca di esplodere, che potrebbe farlo ma che è relegato dentro una trappola che la imprigiona, sembri tanto vuota, e tanto sola e non capisco come mai più andiamo avanti e più sembra che niente cambi, solo peggiori.
    tornato a casa mi dimenticherò di questo senso di angoscia, almeno finchè non mi capiterà di leggere un tuo commento o nuovo post, ma…ma non posso fare a meno di farmelo pesare, mi fai pesare il tuo essere sola, so quanto può essere triste…e…non capisco come mai..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: