Morta dentro

febbraio 10, 2007

Stasera mi sento morta dentro.
Sto lottando. Ho intorno dei problemi da risolvere. Il più grande, penso, è il non avere qualcuno accanto, e quindi un motivo per volerli risolvere.
Come diceva Napoleone, il problema dei soldati non è saper combattere: è volerlo.

10 Risposte to “Morta dentro”

  1. zedla Says:

    Inizia a chiederti perchè non hai nessuno accanto, poi la soluzione arriva! un abbraccio virtuale

  2. tex Says:

    Certo che se hai sempre vissuto di cose superficiali…adesso vorresti la sostanza, il succo della vita…cosa hai fatto per meritarlo? o almeno per fa sì che ti passasse accanto…on credo un granchè. comincia e gira la prua verso quello che vuoi. Ho letto in un libro che il segreto della vita non è fare ciò che si vuole ma capire cosa si vuole per la propria vita. Provaci. Per nessuno è troppo tardi.

  3. giovanni Says:

    Ti capisco , a volte si è soli anche se c’è qualcuno vicino . Immagino il tuo stato. Cerca di capire cosa vuoi dalla vita e strappalo , anche con i denti, non conta , certe volte , ciò che si è stato . Conta dove si vuole arrivare. Vorrei esserti vicino . ciao Giovanni

  4. Fran Says:

    io direi fregatene e vivi attimo per attimo, niente programmi, niente rimorsi, la tua vita è la tua vita in ogni secondo, in ogni momento, e non credo ke le persone facciano bene a sprecarla compiangendosi… mi rendo conto ke c’è sempre la Società intorno a noi, un sistema difficile da ignorare, ma dovremo imparare a vivere liberi dalle prigioni psicologike ke ci costriuamo da soli, perkè qndo nn c’è nessuno affianco, spesso ci capita di pensare troppo… notte

  5. Giò Says:

    Ho scritto queste poche e scarne parole per un’amica;ora le scrivo anche a te, perché a volte creiamo delle mura che nessun terremoto riuscirebbe ad abbattere:
    “Possiamo renderci invisibili tra le mura di una stanza,
    riposare i nostri affanni per tutto il tempo che vogliamo.
    Ma solo il mondo, oltre quella porta, può curare le ferite del cuore.
    C’è tanta gente che ci ama, basterebbe varcare l’uscio…”


  6. Recita (ripeti una volta dopo l’altra) NAM MYO HO RENGHE KYO

    Un bacione,
    il bello del web

  7. Paolo Says:

    Molto tempo fa mi trovavo anch’io in questa situazione. Un giorno una mia cara amica mi regalò un libro “Il Gabbiano Jonathan Livingston, di Richard Bach”. Qui trovai le risposte che cercavo…

  8. Zeno Says:

    dai raccontaci dei pompini piuttosto…


  9. Anch’io, trovandomi nella merda, ho pensato di dover risolvere i miei problemi per la persona a me vicina. Ma è un errore. Bisogna risolverli per sè, per poi poter dare tutto quello che si vuole alla persona vicina. Risolvi i tuoi problemi x te stessa

  10. Rhoda Says:

    What a cool idea. Definitely add this to my list of things to
    buy.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: